Crea sito

GlobeTrotter - Diari di Viaggio

Condividi su facebook

La Route 66, la strada del sogno americano

È stata la strada dei pionieri, poi con il tempo è stata sostituita dalle moderne autostrade ed infine cancellata dalle carte. Oggi la Route 66 si percorre solo per i suoi paesaggi e per il suo immutato fascino.

La Route 66 unisce le rive del lago Michigan all'oceano Pacifico, da Chicago a Santa Monica dopo aver perorso 3755 km (2347 miglia), tre diversi fusi orari, 8 Stati. Essa attraversa tanti centri cittadini, da questo prenderà l'appellativo di The Main Street of America.
 

Storia

historic route 66 asfaltoNasce nel momento del bisogno: 1926. Da lì a poco scoppierà una crisi economica talmente forte da avere anche pesanti risvolti psicologici: la Grande Depressione obbligherà molti ad estenuanti viaggi verso mete speranzose e alla ricerca di una nuova vita.
Fu quindi inizialmente utilizzata per fuggire dalla disperazione, economica ed ecologica.

Sono gli anni ’30, anni duri, anni che porteranno il mondo dritto dritto verso la catastrofe di una guerra planetaria. Non c’era spazio per il divertimento, la 66 doveva essere solo un mezzo veloce per fuggire.

Poi vennero gli anni del sogno, gli anni ’50 e ’60. A questo punto la 66 non serve più per fuggire, ma per viaggiare, per sognare. La Sixty-six racchiudeva, in quegli anni, tutto il cosmo dell’America a stelle strisce: c’erano accampamenti indiani, emblemi delle radici degli Stati Uniti, ma pure nacquero il primo Mc Donald’s e il primo Drive In. Consumismo della prim’ora e tradizione a braccetto: perché l’America è tante cose tra loro spesso diverse.route 66

Nel 1985 però la Route 66 venne cancellata dalle carte delle Highway e rimpiazzata da una più comoda e confortevole autostrada che però la costeggia costantemente. Più tardi un intreccio piuttosto complicato di statali e strade secondarie viene denominata “Historic Route 66“.

Ma non è più quella che fu: viaggiando per quelle strade è facilissimo perdersi nel nulla ed è difficilissimo ritrovare le sensazioni perdute.

Per vivere la Sixty-six, quella vera, quella polverosa attraversata dai disperati in fuga, bisogna immergersi tra le pagine di “Furore” di John Steinbeck. Un viaggio che costa pochissimo e ci restituisce una conoscenza profonda di una realtà perduta per sempre.

Nonostante ciò la Route 66 rimane comunque meta di numerosi viaggi e “pellegrinaggi” da parte di milioni di turisti.

In fondo alla pagina troverte una bellissima galleria fotografica della Route 66.

route 66 map
route 66 way
route 66
route 66
Historic Route 66
Route 66 epoca
route 66 illinois

 

Condividi su facebook

Seguici anche su :